|
Italiano English

Il Melanoma

La Neoplasia Cutanea e le Lesioni Melanocitiche

Il melanoma è un tumore maligno in grado metastatizzare a distanza, che origina dalla trasformazione e proliferazione displastica dei melanociti, una popolazione di cellule che normalmente risiede nello strato basale dell'epidermide

 

Il melanoma cutaneo, ritenuto uno dei tumori a più alta malignità, è l'unico ad essere individuabile durante le sue primissime fasi evolutive per cui la sua precoce asportazione consentirebbe una percentuale di guarigione quasi nel 100% delle casistiche.

 

Fino a qualche tempo fa, il melanoma veniva considerato un tumore raro, il cui riconoscimento spesso coincideva con l'esito fatale. Oggi, nonostante i progressi nella comprensione della crescita tumorale, l'ostacolo principale rimane la sua diagnosi precoce.

 

L'incidenza del melanoma risulta in continuo aumento, mentre la prognosi, fortunatamente, appare in progressivo miglioramento a seguito del fatto che i pazienti si presentano ad uno stadio più precoce rispetto al passato, con lesioni più piccole e soprattutto più sottili, ancora potenzialmente curabili.

 

Grazie al costante miglioramento delle conoscenze relative all'eziopatogenesi del melanoma, gli operatori clinici sono in grado di individuare molteplici fattori di rischio ambientali ed individuali, intesi come condizioni “premonitrici” odeterminanti l'insorgenza della neoplasia.

 

Le attuali conoscenze cliniche di questo tumore e le tecniche diagnostiche  a disposizione consentono inoltre il  riconoscimento precoce dei suoi “precursori”, permettendo la prevenzione delle disastrose conseguenze della malattia metastatica.